Intervista di Fabienne Guerrero con Mons. René Laurentin

“Dai Rosa Croce al Cristianesimo”

Intervista di Fabienne Guerrero con Mons. René Laurentin

 

Fabienne Guerrero è nata il 16 aprile 1064. Di taglia media, bruna con occhi azzurri, è vestita modestamente. Conserva la precisione che ha acquisito durante la sua professione di segretaria di direzione e il suo percorso contrastato è particolarmente notevole.

 

R.L.: E’ passata dalle sette a Cristo con una bella lucidità. Ce lo racconti.

 

FG. : Ho passato la mia giovinezza in mezzo alla droga, l’alcool, le balere, i peccati carnali. Ho ascoltato musiche non buone, visto cattivi films, praticato lo spiritismo, l’astrologia, la numerologia, la divinazione; ho fatto studi nella New Age e ho avuto dei contatti con un guru che mi ha aperto due chakra: il chakra del 3° occhio e il chakra del cuore.

 

R.L.:- Lei ha frequentato anche i Rosa-Croce. Che cosa sono?

 

FG:- È un movimento esoterico. Sono stata iniziata nella loggia Haroeris a Marsiglia, dal mese di aprile del 95 fino al marzo 97.

 

R.L.: – E questo in che cosa consisteva?

 

FG: Alla prima iniziazione, sono entrata nella loggia attraverso un cammino speciale. Non posso entrare nei dettagli per non crearmi delle noie.

 

R.L.: Ha avuto una educazione cristiana?

 

FG: Sì, sono stata battezzata il 3 maggio 1964. Ho atto l’abituale percorso: Catechismo, comunione privata, comunione solenne (professione di fede).

 

R.L.: Quando sono cominciati i suoi contatti con i Rosa-Croce?

 

FG: Nel mese di giugno 1993 e en sono uscita definitivamente nel Marzo 1997. Alla fine del 1996, ho fatto il mio primo viaggio a Medugprje.

 

R.L.: Come si è staccata dai Rosa-Croce?

 

FG: Ho cominciato a recitare il Rosario e mi sono consacrata al Cuore Immacolato di Maria. Il 9 agosto 1998, durante una messa, ho fatto un patto di alleanza con Maria Regina Immacolata dell’Universo nella Fraternità di Bois le Roi. Su consiglio del Cielo, ho fatto celebrare delle messe (diverse trentine) per la mia anima con lo scopo di ritrovare la pace.

Ho ricevuto diversi sacramenti, compresa l’unzione dei malati, più volte, senza essere fisicamente veramente malata.

Padre P. Rémels (Belga) ha realizzato la rottura dei legami con l’esoterismo che avevo precedentemente frequentato. Ogni mattina, faccio la Via Crucis, seguita dalle Lodi e dalla messa nella mia parrocchia a Béziers.

 

R.L.: Che cosa le offre questa sua “messa orchestrata” del mattino?

 

FG: Quando vedo, al momento dell’elevazione, il Signore, mi metto in ginocchio e gli chiedo di infiammare il mio cuore con il suo fuoco. Faccio sempre la comunione in ginocchio e la ricevo nella bocca. La messa mi dà la forza di donarmi e di seguirLo.

 

R.L.: Lei ha capito che l’unione di volontà con Dio, dunque l’unione d’amore (che è la stessa cosa), è l’essenziale.

 

FG: Sì, ciò che conta per me, è l’intimità profonda, giorno dopo giorno, con Gesù nella Sua pace e nella Sua gioia.

 

R.L.: Sì, una volontà che dà una identificazione alla sua vita!

 

FG: Sì.

 

R.L.: Quando sono cominciate le sue deviazioni? Nella su infanzia?

 

FG: All’età di 15 anni, ho iniziato la divinazione, l’astrologia e la numerologia.

 

R.L.: Che cos’é la numerologia?

 

FG: È un insieme di credenze fondate sul fatto di attribuire a dei numeri delle proprietà. Si studia un tema di vita sulla base della data di nascita per poi situarsi in una congiunzione astrale.

 

R.L.: Che cosa ne è risultato?

 

FG:  Sono passata attraverso 3 tappe di cui cercavo la logica.

 

R.L.: E la New Age?

 

FG: La New Age è una corrente spirituale che non viene certo da Dio. In questo movimento, non ho mai sentito parlare di Gesù Cristo in quanto Figlio di Dio. Ho imparato che il “Divino” esisteva. Il Divino è l’espressione più elevata della coscienza cosmica, la vibrazione (energia) più alta. Si manifesta  per emanazione nell’energia interiore e cosmica. Coincide con il mondo e con l’uomo. L’individuo può dire: Dio è in me, io sono il mio creatore. In una parola, tutto è uno, tutto è energia, tutto è Dio.

Il Cristo della New Age che io ho conosciuto è un semplice Spirito che si è manifestato in Budda e Gesù di Nazaret.

Non mi è stato possibile entrare in relazione con un Dio personale, io ero una semplice onda dell’oceano cosmico. La mia salvezza consisteva nella conoscenza sperimentale della mia natura cosi detta divina. Occorreva che mi realizzassi personalmente attraverso l’illuminazione interiore, le rinascite, la padronanza di sé ed eventualmente attraverso l’acquisizione di poteri    sull’energia divina che assicura la purificazione e l’armonia con sé, con gli altri e con l’universo.

 Io bastavo a me stessa, non avevo bisogno di rivelazione né di redenzione, né di nessun aiuto esterno. Secondo la legge del Karma, dovevo riparare io stessa i miei propri errori nel corso di nuove esistenze. Non credevo nemmeno al peccato.

 

R.L.: La New Age  è molto conosciuta; si è appropriata di tutte le sfaccettature della nostra cultura. Se ne fa una sintesi brillante ma inconsistente che seduce i suoi adepti, ma che li lascia frustrati. Quanto ai chakra, sono dei sensi sconosciuti in Occidente, ma identificati dagli indiani. I più importanti sono 7, dal chakra base al chakra coronario che risiede alla sommità della testa. E lei è stata sottoposta a tutte queste influenze.. Da qui il suo sbrigliato percorso.

 

FG: L’apertura dei chakra mi ha distolto dalla fede e mi ha aperta ad ogni sorta di avventura eteroclita che mi ha distrutta.

 

R.L.: Quel guru voleva aprirla “oltre”  le nostre ordinarie percezioni.

 

FG: Per tutto un anno ho assistito ai suoi corsi di spiritismo. Un giorno mi ha proposto di fare una grande pulizia. Poiché credevo alla reincarnazione, ho pensato che mi volesse liberare dal karma, cioé dalla servitù delle mie vite anteriori. Ha messo la sua mano sul mio chakra del cuore  e insieme  sul mio chakra del terzo occhio, ed ha fatto una invocazione in una lingua che non capivo. Al corso successivo di spiritismo, la Kundalini si è levata. Ho avuto molta paura perché sentivo una grande forza che mi attraversava il chakra di base fino al chakra coronario che mi faceva espandere verso l’alto.

 

R.L.: Con una tendenza alla levitazione come succede? 

 

FG: No, assolutamente. È partendo dalla testa che tutto questo mi tirava verso l’alto, senza raggiungere  nulla né nessuno.

 

R.L.: Che cosa l’ha fatta crescere?

 

FG: Alla fine del 1996, sono andata a fare un primo pellegrinaggio a Medugorje.

 

R.L.: Qual è stato, in quel momento, il suo cambiamento ?

 

FG: Ho ritrovato a Medugorje il gusto dei Sacramenti, gusto che avevo perso dopo i 15 anni; ho ritrovato il gusto della preghiera, soprattutto del Rosario.

 

R.L.: Una certa illuminazione generale.

 

FG: Sì.

 

R.L.: E questo l’ha “aperta” a Cristo?

 

FG: Sì.

 

R.L.: Ha riconosciuto che tutto questo proveniva dallo Spirito Santo: che non si mostra direttamente, ma come i proiettori che sono alle nostre spalle durante gli spettacoli, Egli illumina la scena: Gesù e il suo messaggio.

 

FG: Ho subito riconosciuto l’azione dello Spirito Santo.

 

R.L.: Lo Spirito Santo non ci istruisce con delle parole ma ci dà la Sua luce perché possiamo percepire Cristo e la Sua azione in noi.  credenza

 

FG: Ho tutto accettato del Cristianesimo. Mi sono impegnata attivamente nell’Apostolato. Ho scritto 5 libretti sulla mia conversione, cha hanno ottenuto l’imprimatur il 1° dicembre2009 e 4 sono stati pubblicati  presso l’editore Téqui.

  • Ho lasciato l’Ordine dei Rosa-Croce AMORC (Antico e Mistico Ordine dei Rosa-Croce.)
  • Astrologia o fiducia in Dio.
  • Dio mi ha liberata dalla mia fede nella reincarnazione.
  • Gesù misericordioso mi ha liberata dallo spiritismo.
  • Gesù Misericordioso mi ha liberata dalla veggenza.

 

Ho anche creato un sito internet: http://fabienne.guerrero.free.fr/

 

R.L.: Da quante persone è visitato ogni mese?

 

FG: Ho tolto il contatore già da un po’ di tempo. Attualmente, qualche decina di persone al mese, da tutti i paesi francofoni mi scrivono tramite E-mail.

Diffondo anche dei CD sullo Spirito Santo, sulla apparizioni della Vergine Maria, i pericoli della New Age, dello yoga, del reiki, della meditazione trascendentale, dello spiritismo e dei CD sull’insegnamento di alcuni buoni preti (P.Tardiff, P. D. Ange, P. Nicolas Buttet, P. Roger Paulin), dei CD sulla preghiera e la lode, dei CD sui diversi Sacramenti, sulla Bibbia, sulla guarigione interiore, sulla Evangelizzazione, sulla vita dei Santi…

 

R.L.: E i Rosa-Croce, sono spariti dal suo orizzonte?

 

FG: Ho aderito all’AMORC dal luglio 1993 fino a marzo 1997 ed ero arrrivata al 7° grado del Tempio.

 

R.L.: Quanti gradi ci sono?

 

FG: Credo 12. Dopo Medugorje, ho scritto all’Imperatore dell’Ordine esprimendo il mio desiderio di lasciare. Mi ha chiesto perché e ho risposto: -Per ritornare nella Chiesa Cattolica-.

 

R.L.: I suoi chakra  erano sempre aperti?

 

FG: Sì

 

R.L.: Chi glieli ha chiusi? So che non aprono al Cristianesimo…

 

FG: Un prete, di cui non ricordo il nome, ha fatto una preghiera per la chiusura e tutto è rientrato nell’ordine.

 

R.L.: Lei ha avuto fortuna che tutto si sia concluso così in fretta e, infine, così bene.

 

FG: Sì, grazie ai Sacramenti che ho ricevuto tutti i giorni perché molti trovano delle difficoltà e talvolta muoiono quando la kundalini si sveglia.

 

R.L.: Possiamo chiederle che cosa è la kundalini?

 

FG: È una potente energia sita nell’osso sacro. Si sveglia e sale lungo la colonna vertebrale e lavora di centro in centro fino al chakra coronario.

 

R.L.: Tutto questo l’h aiutata ad avere una ricettività migliore verso il Cristianesimo?

 

FG: Non direttamente. Ho cominciato a studiare la Bibbia, la vita dei Santi, il Concilio Vaticano II, il Catechismo della Chiesa Cattolica, e vedevo che tutto era buono.

 

R.L.: E tutto questo l’avvicinava a Dio?

 

FG: Sì. Trascorrevo tutti i pomeriggi in una Chiesa a Marsiglia per fare la Via Crucis e passare del tempo con Gesù e lì ho sentito una voce. Proveniva dal tabernacolo e Gesù mi diceva. “Io sono il tuo solo Maestro.”

 

R.L.: Lo sentiva o lo percepiva interiormente, come si dice, intellettualmente?

 

FG: Lo sentivo come lei ora che mi parla.

 

R.L.: Ah, sì. Sentiva una voce?

 

FG: Sì. Una voce che usciva dal tabernacolo. Una voce maschile, molto forte. Risuonava in me. E questo mi è successo altre volte.

 

R.L.: Se lo Spirito Santo non parla , Gesù che si è fatto uomo può parlarci con parole umane.

 

FG: Gesù diceva anche: “Le mie Sante Piaghe ti salveranno” perché mi stava per prendere nelel Sue Sante piaghe pe salvarmi.

 

R.L.: Ha condiviso con lei le Sue piaghe, le Sue sofferenze e la Sua morte?

 

FG: No, non ancora. Ho pensato che mi sarebbe stato necesario un Padre spirituale.

 

R.L.: E la’ha trovato?

 

FG: Sì. Il mio primo Padre Spirituale, un padre domenicano, ha capito che Dio mi parlava. Non è forse normale, Monsignore?

 

R.L.: Sì, senz’altro. Ha avuto fortuna nel trovare un padre chiaroveggente.

 

FG: Gli ho spiegato che avevo un amico e che vivevo una relazione coniugale con lui sin dal 1994. Dopo Medugorje, abbiamo fatto un matrimonio civile il 6 settembre 1997, ma non potevamo fare un matrimonio religioso perché lui era già stato sposato in chiesa, e poi aveva divorziato.

 

R.L.: E sua moglie è ancora viva?

 

FG: Sì, lei l’aveva lasciato per un altro uomo. Dopo il mio matrimonio, una sera, nella mia camera, Gesù è venuto a visitarmi e mi ha chiesto di obbedirgli, di avere una camera a parte, poi mi ha detto: “ IO chiedo riparazione. Il tuo peccato mi ha offeso, poi Io ti voglio corpo e anima.”

Il mio Padre spirituale ha confermato che dovevo vivere in castità e Dio mi ha chisto di testimoniare la Sua Misericordia.Al ritorno abbiamo vissuto come fratello e sorella.

 

R.L.: Ma Lui ha accettato di vivere questa nuova situazione?

 

FG: Ha avuto difficoltà. Ma poiché Dio esigeva la continenza, io ho obbedito. Alla fine, il 14 dicembre 2000, ho divorziato per seguire Cristo nel mondo perché mi aveva detto: “Io voglio che tu Mi serva nel mondo.”

Dopo avere lasciato la casa, ho studiato più a fondo la fede cattolica e all’inizio del 2003 ho creato una catena di icone pellegrine di Gesù misericordioso nell’obbedienza a un Padre Pallottino di Osny, Padre Eugenio, con il quale lavoro sempre. È la mia guida  per la misericordia divina.

Si tratta di fare circolare delle icone che io fabbrico, nelle famiglie per il tempo di una novena. Circolano oggi in diversi paesi come la FRANCIA, GUADALUPE, MARTINICA, ILE LES SAINTES, ILE DE LA DESIRADE, BELGIO, SVIZZERA, LUSSEMBURGO, PORTOGALLO, PAESI BASSI, AFRICA, ITALIA.

Certe persone che ricevono l’icona non vogliono più separarsene. Si innamorano ancora di più di Gesù. Pregano la corona della Misericordia.

 

R.l.: Sono numerosi?

 

FG: È una grande catena.

 

R.L.: Una catena internazionale.

 

FG: Sì, diretta da Padre Eugenio.

 

R.L.: Ci sono gruppi di preghiea?

 

FG: No, non con questo giro, ma o cominciato a metà gennaio 2011 una catena di preghiere peri bimbi che devono nascere.

 

R.L.: Ha lei una professione?

 

FG: Sì. Sono Segretaria di Direzione bilingue. Mi sono fermata dopo il pellegrinaggio a Medugorje per consacrarmi intermente all’Apostolato.

 

R.L.: Lei ha solo 46 anni, non è ancora all’età della pensione, di che cosa vive?

 

FG: Mia sorella (sposata con due figli), mi ha prestato un appartamento e i miei genitori pensano al vitto. Hi rifiutto il denaro che mi offrivano i miei editori (Tequi, Parvis, Rasssemblement a Son Image…)

 

R.l.: Acquista lei i suoi vestiti?

 

FG: Chiedo l’elemosina, perché Gesù mi ha detto “Avvicinati alla povertà” “Non avere paura di mendicare”. C’è comunque una piccola associazione che mi permette di vendere qualche libro e altri oggetti.

 

R.L.: È molto impegnata.

 

FG: Sì, talvolta non so dove ho la testa. 

 

R.L.: Vive come un profeta?

 

FG: No. La Vergine Maria mi ha detto:” Tu non avrai messaggi (come i profeti), ma rimani fedele a Mio Figlio. “ Mi parla solo di me.

 

R.L.: Lei ha una grazia eccezionale: rinuncia, luce e chiarezza. Rimanga a questo fedele. Non è facile resistere e fare durare questo molto a lungo.